Pagheresti per sbloccare più potenza nel tuo computer? Intel addebita già alle aziende

Il concetto di DLC, acronimo che significa contenuto scaricabile, è tipico del mondo dei software, dove alcune funzionalità o extra si nascondono dietro un pagamento aggiuntivo, oltre al costo del pacchetto base. Tuttavia, una tale tendenza potrebbe presto manifestarsi nell'hardware, dove alcune funzionalità erano inattive nel prodotto di base e quindi latenti per essere pagate dall'utente. E non stiamo solo dicendo questo, dal momento che Intel lo implementerà nei suoi processori server Sapphire Rapids con il suo Silicio definito dal software Intel . Siamo di fronte a una tendenza che potrebbe finire nei nostri PC?

Non si può negare che Intel abbia avuto qualche problema a portare i suoi processori Sapphire Rapids sul mercato per server e workstation. Noi stessi siamo venuti a commentare l'architettura diversi mesi fa. Ed è che hanno incontrato una serie di ostacoli durante lo sviluppo che ha causato a questi processori un ritardo significativo in termini di lancio. A quanto pare sarà nel 2023 quando finalmente li vedremo sul mercato, e con questo porteranno una sorpresa, dovendo pagare per sbloccare alcune funzionalità del processore.

Pagheresti per sbloccare più potenza nel tuo computer

Processori Intel “aggiornabili” via software

L'idea di Intel è che alcune funzioni aggiuntive nei processori siano inattive come standard e debbano essere attivate tramite un pagamento aggiuntivo. Questo ha senso se si considera che in alcuni mercati troviamo funzioni essenziali, ma non per il grande pubblico. A quel punto, Intel ha due opzioni, la prima è costruire una variante di un processore per ogni mercato. Il secondo è creare un processore completo, ma sfruttare quelli che richiedono tale funzionalità. Qualcosa che ha molto più senso in termini di riduzione dei costi di produzione e logistica.

Arquitectura Sapphire Rapids

In altre parole, l'idea è che l'utente finisce per pagare per le funzionalità che utilizzerà e di cui trarrà vantaggio . Ad esempio, invece di creare un processore per server aziendali e un altro per workstation sotto la stessa architettura, ne viene creato uno generale con tutte le opzioni di sicurezza aziendale sotto il gateway di pagamento.

Ad esempio, da Sapphire Rapids è noto che vedremo una versione per workstation. La cui richiesta verrebbe dal fatto che gli Intel Core 12 e 13 non hanno più di 8 P-Core. Allo stesso tempo, Sapphire Rapids ha caratteristiche che, sebbene utili su un server, non sono utili su una workstation. Vale a dire, l'idea sarebbe come se AMD ha smesso di vendere i suoi processori EPYC per vendere il Threadripper e quindi offrire l'aggiornamento corrispondente a un prezzo "moderato".

Lo vedremo applicato nei processori per PC?

Bene, questa è la domanda da un milione di dollari, e dobbiamo dire che al momento nulla indica che Intel implementerà una soluzione del genere a breve o medio termine nel suo Intel Core. Almeno dalle informazioni che circolano, ma i dati che conosciamo sull'Intel Core 14 sono attualmente scarsi e tramite leak controllati. Nel caso in cui Intel decida di implementare la stessa idea nelle sue CPU laptop e desktop, è possibile che vedremo alcune funzionalità dietro un pagamento.

  • Ad esempio, potremmo scoprire che è scomparsa la divisione tra processori K e KF, nel senso che l'utilizzo della grafica integrata è stato nascosto dopo un pagamento aggiuntivo per renderlo attivo.
  • Un altro caso potrebbero essere le istruzioni AVX-512, che erano nel processore, ma non attive senza dover pagare per scatola.
  • È anche possibile che la velocità massima supportata dal processore o dalla memoria sia bloccata sui processori Intel dal software.

In realtà, potremmo parlare di esempi di tecnologie incluse nelle CPU Intel di cui sfruttano, applicazioni e mercati specifici che potrebbero finire sulla piattaforma Intel Software per essere successivamente sbloccati tramite pagamento aggiuntivo. Tuttavia, è troppo presto per dire qualcosa e nel campo dei processori desktop e laptop non viene annunciato nulla al riguardo. Semmai, aiuterebbe a semplificare il mercato dei processori.