Windows avrà il proprio emulatore Android nativo

Windows avrà il proprio emulatore Android nativo

Ogni sistema operativo ha i suoi programmi. Windows, ad esempio, è progettato per funzionare con il proprio software, Linux con i suoi programmi, Mac con app compilate per Appleil sistema operativo di, Android con Google… Quando abbiamo bisogno di utilizzare un programma di un altro sistema operativo, spesso è il momento di ricorrere a emulatori o macchine virtuali che ci permettano di caricare il sistema e utilizzare il programma. Tuttavia, questo fa sempre più parte del passato, soprattutto nel caso di Windows 10 grazie al suo sottosistema WSL.

Una delle migliori notizie che ha raggiunto gli utenti dopo il lancio di Windows 10 è stata WSL. Il Sottosistema Windows per Linux ci permette di virtualizzare una distribuzione Linux e di utilizzare tutti i suoi strumenti come se fossero installati nativamente in Windows. Questo sottosistema inizialmente aveva grandi limitazioni, ma sono state risolte nelle versioni future. WSL 2, l'ultima versione, è molto più versatile e offre prestazioni molto migliori rispetto alla prima versione. Ma la cosa non finisce qui.

Kali Linux WSL2 senza soluzione di continuità

Microsoft sta lavorando per permetterci molto presto di aprire tutti i tipi di app Linux, con un'interfaccia grafica, proprio come se lo stessimo facendo in questo altro sistema operativo. Ma, cosa ancora più interessante, Microsoft sta lavorando per consentire agli utenti WSL di eseguire, in modo nativo, tutti i tipi di app Android direttamente su Windows 10.

Android su Windows 10? Perchè no

Era da tempo che si sentiva parlare di questa possibilità, anche se fino ad ora non erano altro che voci di corridoio. Tuttavia, a poco a poco queste voci stanno prendendo forma e peso e potrebbero diventare realtà molto prima di quanto pensiamo.

Poche ore fa, i responsabili dello sviluppo del La GUI di WSL era invio di una nuova versione "pre-release" di Supporto della GUI di Linux a GitHub. In esso possiamo vedere due cambiamenti molto interessanti che ci fanno pensare che Microsoft non stia solo lavorando su questa funzionalità, ma che il suo lancio potrebbe essere più vicino di quanto pensiamo:

  • correggere la finestra dell'emulatore Android non è mobile quando nessun frame.
  • correggere la finestra dell'emulatore Android che non si sposta e si arresta in modo anomalo alla riduzione a icona.

Queste due modifiche risolvono problemi nel in Emulatore Windows Android che impediva lo spostamento delle finestre dell'app o che poteva causare l'arresto anomalo delle finestre dell'app quando utilizzato. La possibilità di aprire app Android direttamente da Windows, senza emulatori, non solo è reale, ma potrebbe arrivarci molto prima di quanto pensiamo.

Project Latte per Windows 10 21H2 (o Windows 11)

In diverse occasioni abbiamo sentito parlare di un concetto chiamato " Progetto Latte “. Grazie a lui, Microsoft ha promesso che gli sviluppatori Android sarebbero stati in grado di impacchettare le loro app all'interno di file MSIX per distribuirle attraverso il Microsoft Store. Ovviamente questo sarà possibile solo quando Windows sarà in grado di eseguire app Android direttamente dal sistema operativo, con incluso un emulatore nativo.

La principale limitazione che troveremo in questa funzione è che Windows (ovviamente) non includerà il Google Play Store o Google Play Services. E poiché la maggior parte delle app dipende da loro, non sappiamo quanto sarà utile questa funzione alla fine. È tempo di aspettare per vederlo.

Il nuovo Sottosistema Windows per Android arriverà con Windows 10 21H2, “Sun Valley”, che si potrebbe anche chiamare finestre 11 , insieme al supporto per le app Linux con GUI.