È meglio usare il kernel originale o installare un altro kernel in Ubuntu?

Una delle parti più importanti di qualsiasi Linux distribuzione è il kernel, o Kernel. È dove troverai tutto il necessario per il funzionamento del nostro computer, come controller o driver, nonché gli strumenti responsabili della gestione della memoria, del controllo delle chiamate e tutto il necessario affinché il software abbia accesso all'hardware. dal PC. Esistono molte versioni differenti del kernel, dall'originale, pubblicato da Lo stesso Linus Torvalds (creatore di Linux) alle edizioni modificate dalla comunità o dai responsabili delle principali distribuzioni, come Canonical (nel caso di Ubuntu). Tuttavia, quale è meglio?

Il kernel canonico, cosa contribuisce?

utilizzare il kernel originale o installare un altro kernel in Ubuntu

Quando installiamo Ubuntu da zero, viene fornito con un modificato e kernel ottimizzato con Canonical. È l'azienda stessa che si occupa di mantenerlo, applicando patch quando appare un bug o una vulnerabilità e lanciando i diversi aggiornamenti durante il ciclo di vita della distribuzione.

Per impostazione predefinita, il kernel che ci installa è " generico “, una sua versione progettata per un uso generale. Tuttavia, se abbiamo esigenze particolari, Canonical ha diverse versioni del proprio kernel in modo da poterle installare facilmente con un solo comando. I principali sono:

  • bassa latenza : un kernel con latenze molto basse appositamente progettato per l'elaborazione dell'audio.
  • kvm : destinato alle istanze virtualizzate con questo hypervisor.
  • raspi2 : kernel progettato per Raspberry Pi 2.
  • bocca di leone : kernel progettato per dispositivi che utilizzano questo tipo di CPU ARM.
  • OEM : versione appositamente studiata per determinati progetti.
  • xx-hwe : kernel "Hardware Enablement" per funzionare con l'hardware più recente. Possiamo trovare questa versione sia per il “generico” che per il “basso latenza”.

Uname Ubuntu Kernel

Tra gli altri, i principali vantaggi che si ottengono utilizzando questo tipo di nucleo sono, da un lato, una serie di ottimizzazioni e configurazioni applicate da Canonical nel nucleo per migliorarne il funzionamento e, dall'altro, la tranquillità di dimenticare di aggiornare alle nuove versioni, poiché queste arriveranno tramite APT, come il resto delle patch del sistema.

Tuttavia, lo svantaggio principale è che non saremo mai aggiornati . Quando Canonical rilascia una nuova versione di Ubuntu, viene fornita con un kernel una o due versioni dietro l'ultima. Il che ci impedisce di godere degli ultimi miglioramenti del kernel per almeno 6 mesi.

Perché passare a un kernel originale?

Sebbene Ubuntu sia dotato di un proprio kernel, ciò non ci impedisce di installare la versione del kernel originale che vogliamo noi stessi. Possiamo scaricare il codice e compilarlo direttamente sul nostro PC, oppure utilizzare un programma come Mainline per scaricare e installare l'ultimo kernel sul nostro PC.

Kernel principale Linux 5.13

I vantaggi di questo sono molteplici. Ad esempio, ci consente di essere sempre aggiornati, godere degli ultimi miglioramenti implementati nel kernel e persino continuare a utilizzare una versione specifica di Ubuntu nonostante sia senza supporto senza correre rischi. Aggiornando manualmente il kernel e i pacchetti, possiamo trasformare la nostra distribuzione Canonical in una sorta di "rilascio a rotazione" .

Tuttavia, potremmo anche incorrere in alcuni problemi. Ad esempio, poiché queste versioni non vengono verificate da Canonical, è possibile che si verifichi un errore. E, inoltre, non avremo i miglioramenti e le ottimizzazioni che sono di serie nel versione “generica” di Canonical . Ci costringe anche ad essere un po' più consapevoli degli aggiornamenti, che dobbiamo installare a mano.

Che è migliore?

La verità è che la cosa più sicura è che non noteremo alcun cambiamento, né in meglio né in peggio. Il kernel generico di Canonical è sufficiente per la maggior parte delle persone di usare Ubuntu senza alcun problema. E, se siamo uno di quelli che hanno l'hardware più recente, e non è ancora supportato da questo generico, possiamo installare il generic-hwe per avere il supporto per i driver più recenti. Se non abbiamo esigenze particolari, e non vogliamo complicarci, questo è il meglio che possiamo usare.

Al contrario, se vogliamo avere l'ultimo caratteristiche del kernel (come, ad esempio, il nuovo driver migliorato per NTFS) e non vogliamo aspettare 6 mesi per la prossima versione di Ubuntu, quindi il meglio che possiamo fare è installare manualmente la versione originale del kernel Linux. Naturalmente, sapendo cosa stiamo facendo e occupandoci di tutte le attività di manutenzione correlate da quel momento in poi.