Suggerimenti e trucchi per utenti Power Ubuntu e Linux

Anche se ne parliamo spesso Linux essendo semplici e cerchiamo di far perdere la paura alle persone di questo sistema operativo, in realtà il potenziale che nasconde questo OS è immenso. Man mano che utilizziamo questo sistema operativo, acquisiamo sempre più conoscenze per padroneggiare gradualmente tutti gli aspetti del sistema operativo. Tuttavia, ci sono momenti in cui possiamo adattarci a noi stessi e, per abitudine o pigrizia, adottiamo cattive abitudini che possono renderci meno produttivi o ristagnare quando eseguiamo determinate attività in Linux.

C'è molto da scoprire all'interno di un sistema come Linux. Se restiamo solo sul desktop e sulle applicazioni con un'interfaccia grafica, GUI, scalfiremo solo la superficie di tutto ciò che questo sistema può offrirci. Pertanto, se siamo un po ' Avanzate utenti, oa cui stiamo pensando aumentando la nostra conoscenza in Linux , ti lasciamo alcuni suggerimenti o trucchi essenziali che non dovremmo mai trascurare.

Suggerimenti e trucchi per utenti Power Ubuntu e Linux

Dimentica il desktop: vai al terminale

Distribuzioni, come Ubuntu , hanno un desktop molto intuitivo. Utenti che provengono da altri sistemi, come macOS o Windows, non avrà problemi a ottenerlo. Tuttavia, se ci colleghiamo al desktop limiteremo il potenziale di questo sistema.

Il terminale, o riga di comando, è ciò che ci permetterà di liberare tutto il potenziale di questo sistema operativo. Possiamo aprire un terminale con la scorciatoia da tastiera Ctrl + Alt + T oppure passa a un TTY completo utilizzando la scorciatoia Control + Alt e i tasti da F1 a F6.

Terminal di GNOME su Ubuntu

Una volta acquisita familiarità con il terminale, possiamo memorizzare più comandi. In questo modo, possiamo avviare applicazioni da esso, modificare la configurazione del sistema, programmare ... tutto ciò che vogliamo fare. E lo faremo da veri esperti.

Impara come installare Linux correttamente

Quando installiamo un sistema operativo come Ubuntu, viene installato completamente su una partizione. Tuttavia, quando si installa Ubuntu è consigliabile creare diversi punti di montaggio in modo che una parte del sistema possa essere installata in ciascuno di essi. Così, ad esempio, possiamo avere uno spazio per i file di sistema, un altro per i dati temporanei, la nostra cartella del profilo, lo scambio, ecc. Possiamo anche creare una partizione indipendente per l'avvio in modo da poterla sempre localizzare e riparare in pochi secondi senza alterare il sistema.

Inoltre, se vogliamo proteggere i nostri dati, è necessario attivare il funzioni di crittografia per le partizioni, o punti di montaggio, dove sono presenti dati personali. Il resto, le partizioni di sistema, non memorizzando informazioni sensibili, non devono essere crittografate, migliorando così le prestazioni complessive di Linux.

Processi di controllo e demoni

Come ogni altro sistema operativo, Linux deve caricare in memoria una serie di processi e servizi, comunemente chiamati " demoni "O daemon, per funzionare normalmente. Senza di essi, il sistema e i suoi componenti non funzionerebbero. E se non li controlliamo, la nostra distribuzione potrebbe andare fuori controllo e non funzionare come dovrebbe.

Sebbene Ubuntu abbia un proprio task manager, poiché siamo utenti avanzati e stiamo dominando il terminale, consigliamo di utilizzare un'altra alternativa come htop . Grazie ad esso, possiamo vedere tutto ciò che è in esecuzione sul sistema, conoscere i dettagli di tutti i daemon e finire tutto ciò che non vogliamo avere sul PC.

Manjaro htop

Non aver paura di radicare, sii root

Una delle principali misure di sicurezza per i sistemi Linux è il controllo avanzato dei permessi. Grazie ad esso, possiamo essere sicuri che nessun utente non autorizzato acceda a parti del sistema dove non dovrebbe, e che i programmi non possono apportare modifiche al sistema che non dovrebbero.

Ma ci sono momenti in cui noi, o altri programmi, abbiamo bisogno di accedere a parti limitate del sistema. Ed è qui che entra in gioco la radice. Utente root o root , è l'utente che dispone del maggior numero di autorizzazioni sul sistema. È il superutente. Può accedere a tutte le parti della distribuzione e apportare modifiche anche ai file più critici.

Se dobbiamo apportare queste modifiche, non è necessario dipendere dai programmi per aiutarci a farlo, possiamo farlo noi stessi invocando root usando il comando "sudo". Quello che dobbiamo fare è assicurarci che questo superutente lo abbia una password forte e sicura , poiché altrimenti potremmo mettere in pericolo il nostro PC.

Crea il tuo kernel Linux

Le distribuzioni di solito portano i propri kernel Linux, rivisti e adattati appositamente per funzionare su di loro. Ma questi non sono i migliori. Il modo migliore per ottenere il massimo da Linux è compilare i propri kernel. In tal modo, viene creata una versione del kernel appositamente preparata per funzionare sul nostro PC , sul nostro hardware. Inoltre, così possiamo sempre essere con l'ultima versione del kernel, qualcosa che, in generale, le distribuzioni di solito non portano.

Scarica Kernel Linux

Lascia Ubuntu e passa a una distribuzione più pura, come Arch

Ti senti un esperto di Linux? Allora è il momento di mettere da parte Ubuntu. Come gateway per l'ecosistema Linux è una delle migliori opzioni, ma per gli utenti avanzati potrebbe non essere così tanto. Una volta che ci sentiamo molto a nostro agio con Linux, padroneggiamo il terminale, come installare il sistema e non temiamo nulla, è ora di installare un'altra distribuzione, come Arch Linux .

Arch è un sistema molto più piccolo e modulare che quasi deve essere configurato da zero. Evitare di installare programmi e servizi non necessari ci aiuta a ottenere le migliori prestazioni possibili, ma devi dedicare tempo e, soprattutto, saperlo fare. Dall'installazione di Arch agli aggiornamenti e alla quotidianità questa distribuzione può sembrare una sfida, ma alla fine ce la faremo.