Il Samsung Galaxy S10 verrà aggiornato ad Android 11 con qualche ritardo

Samsung continua a lavorare instancabilmente per poter offrire la nuova versione di Una interfaccia utente ai suoi utenti. Si tratta di un importante aggiornamento del sistema operativo, che deve essere lavorato da zero e adattato a tutte le nuove funzionalità che Samsung implementerà in One UI 3.0. La fase beta è iniziata ad arrivare per alcuni dispositivi, ed è proprio per questo motivo Una UI 3.0 potrebbe arrivare un po 'più tardi sul Samsung Galaxy S10.

Le fasi beta sono un percorso di test necessario, per essere in grado di avviare versioni stabili prive di errori gravi. Ne abbiamo visti esempi in alcuni brand, la cui corsa ad essere i primi li ha portati in più occasioni a lanciare versioni molto “green” e con errori incomprensibili. Samsung è ben al di sopra di questo aspetto quindi qualcosa del genere non accade, come dimostra la beta di One UI 3.0.

Una versione beta dell'interfaccia utente 3.0 per il Galaxy S10

Ricordiamo che il Galaxy S20 e il Galaxy Note 20 stanno già testando la versione beta di One UI 3.0 basata su Android 11. Dopo questi terminali, il Galaxy Note 10 è stato il prossimo ad unirsi a questa beta con il Galaxy S10 in coda per essere il prossimo. Ora, Samsung ha preferito "tirare" cautela e posticipare il lancio della beta nel Galaxy S10, a causa di alcuni errori rilevati nel Galaxy Note 10.

È stato il Beta operations manager della community Samsung in Corea del Sud, il quale ha spiegato che alcuni bug rilevati nella beta del Galaxy Note 10, ne fanno posticipare l'aggiornamento nei Galaxy S10, Galaxy S10 + e Galaxy S10e, oltre ad altri terminali come Galaxy Z Flip, Galaxy Z Fold 2 e loro 5G varianti. La decisione può significare un piccolo ritardo nella catena che termina con la versione stabile di Android 11 su questi terminali.

responsabile delle operazioni beta samsung

Perché è una buona notizia?

Le fasi di sviluppo beta servono proprio a questo. Utenti che sono incoraggiati a provare le fasi beta sono una minoranza, rispetto a coloro che ricevono la versione stabile finale. Avere fretta in questo senso non ha senso, quindi la decisione di Samsung è totalmente corretta e la dice lunga sul suo modo di fare bene le cose. La corsa all'aggiornamento prima di un rivale non ha senso se viene rilasciata una versione piena di bug, come abbiamo visto in altri produttori. Questo impegno è stato rafforzato in Samsung negli ultimi tempi, poiché ricordiamo che l'azienda ha confermato tre anni di aggiornamenti del sistema operativo per le sue ammiraglie della serie Galaxy S10 e molti altri terminali delle famiglie Galaxy A o Galaxy M.

Fonte>Tizen Help