Safari vs Firefox vs Chrome su Mac: le loro differenze

Indubbiamente uno dei programmi più utilizzati su un computer, se Mac o PC, è il browser. Questo è il finestra diretta che hai con Internet , quando si eseguono ricerche diverse, si accede ai siti Web più popolari o si scaricano programmi e file. In macOS puoi trovare molte diverse opzioni del browser e ognuna ha peculiarità diverse. In questo articolo discutiamo le principali differenze tra Safari, Chrome e Firefox.

Safari vs Firefox vs Chrome su Mac

disponibilità che hanno

Questo è senza dubbio un aspetto fondamentale quando si parla di qualsiasi applicazione installata su Mac. A seconda del tipo di utente, puoi trovare un programma che si adatta meglio o peggio, con l'uso che verrà praticato. In questo caso bisogna tenere conto dei dispositivi su cui sono disponibili e anche della sincronizzazione dei dati.

Dispositivi dove sono

Un punto importante è sapere dove potrai installare il browser che intendi utilizzare. Tra i tre principali che confrontiamo in questo articolo, in questa sezione è possibile trovare una grande differenza. In caso di Safari , dovresti sapere che è a browser creato da Apple stessa e che sia integrato nel sistema operativo. Ecco perché si troverà solo su dispositivi creati da Apple. Se secondariamente hai un PC, non potrai scaricarlo e in questo caso dovrai utilizzare un'altra alternativa. Non è un problema nel caso in cui si disponga dell'ecosistema completo dell'azienda di Cupertino.

Nel caso di Chrome e Firefox, questo è qualcosa che cambia completamente. È naturalmente disponibile per il download su un Mac, ma lo è disponibile anche per Windows, Android, iOSe iPadOS. Questo è abbastanza importante, purché tu abbia un dispositivo per l'uso quotidiano che non ha un sistema operativo sviluppato da Apple. Stiamo parlando del fatto che potrai utilizzare un browser in modo universale su qualsiasi tipo di piattaforma, con i vantaggi che ha.

Sincronizzazione dei dati

Ed è che avere un browser universale è davvero importante grazie alla sincronizzazione delle informazioni. Questa è una funzionalità che ti consente di farlo avere segnalibri, cronologia delle ricerche e anche password o il completamento automatico dei dati sincronizzati. Questo è qualcosa che è disponibile in tutti i browser che stiamo confrontando. In tutti i casi, la sincronizzazione avviene tramite l'account collegato.

MacBook Chrome

Come si dice, è una funzione davvero importante per poter lavorare su qualsiasi piattaforma in modo comodo. Safari presenta alcune limitazioni al riguardo, poiché non è consentito esportare le informazioni in modo comodo su altri browser. In un primo momento può essere una misura di sicurezza, ma è vero che è un ostacolo che non si trova in altri browser come Chrome o Firefox, che sono molto più rilassati in tal senso.

Interfaccia: un aspetto fondamentale

Uno degli aspetti cruciali di qualsiasi programma o applicazione è il design utilizzato. Questo perché ci saranno molte ore che consulterai durante il giorno e deve essere visivamente attraente. In questo caso Safari è uno dei programmi che ottiene il miglior grado estetico, poiché si sposa perfettamente con il design generale del sistema operativo. In questo caso, si impegna semplicità e un accesso davvero veloce ai segnalibri e alla barra di ricerca. La schermata principale non ha design bizzarri né finiscono per travolgere. Questo si aggiunge anche all'opzione per attivare automaticamente la modalità notturna, ottenendo l'esperienza più confortevole possibile.

Chrome, come Safari, ha anche un design abbastanza semplice in modo nativo. Dispone di diversi strumenti estetici per poterlo personalizzare a proprio modo, anche se con la configurazione base è possibile avere a semplice schermata principale con una barra di ricerca per poter accedere direttamente al motore di ricerca. Allo stesso modo, va evidenziata anche la possibilità di installare più temi che adattano il design con uno sfondo personalizzato. Questo ti farà vivere l'esperienza più conveniente per i tuoi gusti.

Firefox

Infine, Firefox potrebbe diventare il browser con un design più caricato di base . In questo senso, il gusto particolare di ogni utente dovrebbe sempre giocare. Ci sono persone che preferiscono avere un design molto più carico e con funzionalità aggiuntive nella barra degli strumenti o nelle finestre stesse. In questo caso ha la possibilità di avere tutto in vista a costo di risultare molto confusa alla vista.

Funzionalità specifiche

Oltre al design, è anche importante fare una valutazione delle diverse funzioni che un browser può avere. Discutiamo di queste differenze di seguito.

Estensioni da utilizzare e personalizzazione

Le estensioni sono funzioni aggiunte che possono essere aggiunte al browser per lavorare comodamente. In questo caso, possono includere tracker di errori di ortografia, tracker di offerte e anche altre funzioni più complesse. Firefox e Chrome in questo caso sono abbastanza uguali nell'avere un negozio di estensioni davvero completo. Classificato per categorie, potrai trovare tutto quello che ti serve per avere un browser il più vitaminizzato possibile.

estensioni cromate

Questo non accade in Safari dove il file il numero di estensioni è piuttosto ridotto. La compatibilità dei molti è limitata ad altri browser, poiché Apple ti costringe a passare attraverso il Mac App Store stesso. Questo lo rende scomodo da usare, poiché ti costringe a cambiare l'applicazione in ogni momento. Ovviamente si trovano le estensioni fondamentali, ma nel caso vogliate avere un numero elevato di plugin attivi, dovreste sempre optare per le altre due opzioni. Questo anche perché sia ​​Chrome che Firefox sono open source mentre Safari non lo è.

estensioni safari

velocità e leggerezza

Avere un caricamento veloce dell'applicazione o che non consuma molte risorse del Mac. Questo è uno degli aspetti più importanti da considerare quando si sceglie un browser. Safari, come è logico, è uno di quelli che funziona meglio su un Mac in base alle diverse prove effettuate. È principalmente perché stiamo parlando di un browser che è stato creato appositamente per un software specifico. In questo modo è possibile avere un'efficienza garantita e un consumo equo di tutte le risorse. Questo è qualcosa che Firefox fa anche molto bene, poiché consuma meno RAM e quindi non ha un impatto eccessivo sull'hardware del dispositivo.

Il grande perdente in questo senso è senza dubbio Google Chrome. In questo caso, è stato verificato in numerose occasioni che l'esperienza è molto scarsa a causa del consumo eccessivo di memoria RAM. Ciò provoca principalmente un rallentamento improvviso del sistema operativo quando molte schede sono aperte . Questo è un problema che è stato trasferito versione dopo versione. In questo modo, è un browser che potrebbe non essere consigliato se si dispone di un hardware abbastanza discreto.

sicurezza e privacy

Quando si naviga sul Web, è una priorità per molti utenti sentirsi sicuro . Ogni giorno puoi trovare grandi pericoli su Internet che minacciano la tua sicurezza. La presenza di virus, pagine inaffidabili o semplicemente pubblicità ingannevole sono molti degli aspetti che si possono riscontrare. Ciò significa che misure di sicurezza come il blocco dei popup e persino il blocco del tracker di terze parti si trovano in tutti i browser che possono essere trovati in questo momento. Anche se, in quest'ultimo aspetto, va notato che sia Safari che Firefox integrano strumenti migliori nella configurazione per poter prevenire la piaga delle finestre pop-up.

Anche se, nell'aspetto della privacy, dovrebbe essere evidenziato insieme a Safari, Firefox. Questo perché il browser Mozilla può integrare molto facilmente a VPN servizio. Questo è davvero interessante quando lavorerai su una rete pubblica. Questo, combinato con un buon blocco del tracciamento come Firefox e Safari, rende possibile la privacy sulla rete.

Mantén tu privacidad privada.

Un altro degli aspetti più importanti da tenere in considerazione è Privacy . Nessuno vuole che venga venduto a terzi e questo è un punto di fiducia che noi utenti riponiamo in un browser. Apple in questo senso ha una politica sulla privacy e misure di sicurezza impeccabili. Questo perché questa azienda si concentra principalmente sulla vendita delle sue attrezzature, essendo questa la sua principale fonte di reddito. Google, invece, punta sulla vendita di pubblicità e informazioni su tutti i suoi utenti. Ecco perché nei mesi abbiamo potuto vedere quante polemiche sono state sollevate.

Da parte sua, Firefox è stato sviluppato per avere un codice open source e politiche di privacy e sicurezza molto restrittive. In questo modo potrai assicurarti che tutte le informazioni rimangano contenute nel browser stesso e non vengano commercializzate da terze parti. Ovviamente, le singole azioni di ciascun utente non entrano qui con l'accettazione delle diverse politiche che si possono trovare nelle pagine web a cui è possibile accedere.

Attuazione delle notifiche

Tradizionalmente, le app installate sul tuo Mac possono inviarti notifiche. In questo modo puoi essere sempre informato se ricevi un nuovo messaggio o email, Per esempio. Questo viene trasferito anche ai siti Web che potrebbero volerti inviare notifiche di stato diverse. Ad esempio, un negozio di elettronica potrebbe chiederti le autorizzazioni per avvisarti quando un prezzo scende in modo significativo.

In questo caso, tutti i browser integrano questa funzionalità. Tuttavia, prevale la tutela della privacy degli utenti. Questo è rappresentato dal vedere come di default è disabilitato per tutti gli utenti. Ciascuna delle pagine deve rilevare questa funzionalità per inviare correttamente le notifiche agli utenti.

Creazione di un ecosistema

Le diverse aziende tecnologiche hanno l'obiettivo di avere un gruppo di utenti attorno al proprio prodotto su base costante. Questo è qualcosa che Google Chrome ottiene con una nota, che ha generato un'esigenza avendo diversi servizi associati e che purtroppo funzionano bene solo in questo browser. Ci riferiamo principalmente alla suite per ufficio, ma anche all'insieme di strumenti per i creatori di contenuti web e anche ai famosi Youtube..

Google Drive es, Junto con Dropbox, una delle maggiori informazioni per la realizzazione di copie di sicurezza.

Safari dipende anche da un ecosistema molto completo come quello di Apple. Ma la verità è che non è necessario utilizzarlo affinché una pagina Web funzioni correttamente, poiché Apple non ha un ecosistema che funzioni online. Firefox è identico, poiché avere un codice aperto non viene "venduto" a niente ea nessuno. Ciò significa che se non devi utilizzare un ecosistema di ufficio specifico, non avrai problemi.

la nostra conclusione

In conclusione, va notato che ci troviamo di fronte a tre browser molto simili nelle loro caratteristiche. Nel design e nelle funzioni sono simili ed è per questo che l'esperienza può essere simile. Il fattore più determinante potrebbero essere le prestazioni del browser, dove Safari è quello che vince di gran lunga in tutto e per tutto, poiché è sviluppato da Apple per le proprie apparecchiature. Ovviamente con questo avrai la migliore esperienza possibile con il consumo di risorse, La RAM è uno degli elementi che verranno liberati di più . Chrome è l'opzione meno consigliata in questo caso, poiché le diverse statistiche mostrano come abbiano un consumo di risorse molto elevato, che sacrifica le prestazioni in modo generale.

E se la cosa più importante per te è la privacy e la sicurezza sul web, dovresti sapere che sia Safari che Firefox sono le opzioni più consigliate. Questo perché non si concentrano sul realizzare un profitto economico attraverso la vendita dei dati personali dei loro utenti. Chrome, invece, trae profitto principalmente dalla vendita dei dati di navigazione di ciascun utente al fine di personalizzare la pubblicità o altri aspetti.