Minority Report diventa realtà: le tue lenti saranno uno schermo

La realtà aumentata consiste nel combinare contemporaneamente immagine reale e informazioni digitali. Tutto questo nei cosiddetti occhiali per realtà aumentata, che sono in linea di principio per la realtà virtuale, ma che utilizzano una telecamera per registrare ciò che accade nella realtà e sovrapporre le informazioni. Questo ci permette di conoscere dati aggiuntivi sull'ambiente in cui ci troviamo. Tuttavia, gli occhiali possono essere indiscreti. Che ne dici di uno schermo nelle lenti a contatto? Bene, questa è la lente Mojo.

Alcuni anni fa sembrava che Google stesse per conquistare il mondo con Google Glass, tuttavia, sono stati un fallimento e se a questo aggiungiamo il fatto che in molti paesi l'utilizzo di una fotocamera senza il permesso di terze parti è totalmente illegale, allora il sogno per cui tutti diventano Streamer volontari o involontari Youtube. non è venuto a buon fine. Oggi sono le unità HMD per la realtà virtuale con telecamere, nel caso quelle che hanno detto capacità. Tuttavia, hanno il problema che non puoi andarci per strada e non è pratico.

Minority Report diventa realtà: le tue lenti saranno uno schermo

Mojo Lens è più di uno schermo in un obiettivo

Va bene, non parleremo di alcun dispositivo di realtà aumentata, ma di un pezzo che potrebbe essere cruciale in molti sistemi di questo tipo in futuro. Ed è che l'azienda Mojo Vision ha creato lenti a contatto con uno schermo MicroLED all'interno. A causa delle ridotte dimensioni dello schermo, è completamente monocromatico, poiché dei 3 pixel RGB è supportato solo il verde. Tuttavia, la sua risoluzione non è esattamente bassa, poiché è di 14,000 DPI. Cioè, in ogni pollice quel numero di pixel.

Lente Prototipo Mojo

All'interno della circuiteria del Mojo Lens possiamo trovare non solo il suo schermo con un diametro inferiore a 0.5 mm, ma anche altri componenti:

  • A Radio Wi-Fi a 5 GHz per poter trasmettere contenuti da un dispositivo esterno che l'utente porterebbe con sé, come un telefono cellulare o un computer.
  • Il suo processore centrale è un Microcontrollore Cortex M0 .
  • Ha diversi sistemi di tracciamento avanzati sotto forma di MEMS Come un accelerometro , un giroscopio e magnetometro.
  • Capacità di tracciamento della retina. Questo è combinato con un'interfaccia utente che invia informazioni all'utente a seconda degli elementi dell'immagine che stiamo guardando in un dato momento. Ad esempio, possiamo concentrarci su un prodotto e conoscerne il prezzo o le caratteristiche.

Si tratta, quindi, di un prodotto del futuro e che può avere svariate applicazioni per determinati lavori. Ciò che è chiaro è che per coloro che sono da brividi indossando le lenti a contatto, questa soluzione non è molto piacevole. In ogni caso, si tratta di una pietra miliare tecnologica che ha impiegato 7 anni per svilupparsi e completare, da quando Mojo Vision è stata fondata nel 2015 per realizzare questo progetto. Comunque sia, al momento è ancora una curiosità. E tu, indosseresti una Mojo Lens negli occhi o pensi che sia un dispositivo che, invece, non avrà molto futuro? Potremo giocare ai videogiochi in futuro solo con i nostri occhi? Chi lo sa.