CASO di Microsoft: sbloccare prestazioni grafiche migliorate per laptop

In un'era in cui un numero crescente di laptop sono dotati di doppia scheda grafica, una integrata nel processore (iGPU) e l'altra una scheda grafica dedicata (dGPU), Microsoft ha ideato una soluzione nota come CASO per massimizzare il loro potenziale combinato.

In genere, i laptop sono dotati di iGPU direttamente collegate al display, mentre le dGPU gestiscono le attività di rendering, trasmettendo infine le immagini alla grafica integrata per la visualizzazione. Questa configurazione è progettata per trovare un equilibrio tra prestazioni ed efficienza energetica, con dGPU riservate ad attività impegnative e risparmio energetico ottenuto attraverso l'uso della grafica integrata. Tuttavia, questo processo in due fasi può talvolta comportare una perdita di prestazioni.

caso microsoft

La sfida:

La grafica integrata nei processori, nonostante i notevoli progressi, rimane relativamente limitata in termini di potenza rispetto ai modelli dedicati. Inoltre, le iGPU attingono dalla memoria di sistema (RAM) poiché mancano di VRAM dedicata, che può influire sulle prestazioni.

La necessità che la dGPU trasmetta le immagini alla grafica integrata per la visualizzazione introduce un collo di bottiglia nel processo.

Soluzioni esistenti:

Per affrontare queste sfide, AMD ha introdotto la grafica Smart Access e NVIDIA ha introdotto Advanced Optimus, entrambi sfruttando un multiplexer (mux) per ottimizzare le prestazioni. In questa configurazione, la dGPU gestisce attività di gioco ad alta intensità di risorse, mentre l'iGPU gestisce attività quotidiane meno impegnative, garantendo prestazioni più fluide eliminando la necessità di trasferimento di dati tra i due componenti grafici.

Tuttavia, i laptop senza mux o con questa funzione disabilitata potrebbero essere soggetti a limitazioni. L'utilizzo della dGPU può comportare un aumento del consumo energetico e una riduzione della durata della batteria.

caso Microsoft funzionante

Presentazione di CASO:

La soluzione di Microsoft per i laptop privi di mux o con funzionalità mux disabilitata è CASO (Catalyst Access for Systems Optimization). CASO funziona acquisendo una copia delle immagini renderizzate, aumentando efficacemente gli FPS e riducendo la latenza di visualizzazione. Questo approccio migliora le prestazioni senza richiedere componenti hardware aggiuntivi.

Microsoft afferma che CASO può offrire un aumento fino al 16% degli FPS e una riduzione del 27% della latenza. Inoltre, riduce gli eventi di ripristino e il rilevamento dei tempi di attesa fino al 45%.

Custodia per laptop da gioco Microsoft

Caratteristiche degne di nota

CASO non è del tutto nuovo, essendo stato introdotto nel 2021 per i giochi con supporto DirectX 11. Tuttavia, la sua importanza è cresciuta poiché ora supporta i giochi con DirectX 12.

CASO è nativamente integrato in Windows 11, divenendo parte integrante del sistema operativo. Sorprendentemente, non impone requisiti specifici e funziona perfettamente con qualsiasi scheda grafica dedicata. Inoltre, funziona in modo nativo su qualsiasi dispositivo compatibile.

Compatibilità

NVIDIA conferma che CASO funziona con tutte le sue schede grafiche GeForce dotate del driver r515 o successivo. IntelLa grafica Xe di con driver WDDM 3.0 offre il supporto completo e la serie Radeon 6000 di AMD e versioni successive sono compatibili se abbinate al driver WDDM 3.1.

CASO rappresenta uno strumento promettente per migliorare le prestazioni grafiche sui laptop senza la necessità di costosi aggiornamenti hardware, offrendo un aumento significativo delle prestazioni e riducendo la latenza.