DuckDuckGo non è più così privato? Scopri le sue ultime notizie

DuckDuckGo è considerato uno dei motori di ricerca Internet che meglio tutela la privacy. È un'alternativa a Google e la verità è che ha sempre più utenti. Ha anche un browser basato sulla privacy. Tuttavia, la sua ultima novità potrebbe non piacere a molti. Privacy potrebbe non essere protetto come una volta e ciò potrebbe far sì che alcuni utenti non apprezzino l'idea. Spiegheremo in cosa consiste esattamente.

Il browser di DuckDuckGo utilizza tracker di Microsoft

DuckDuckGo non è più così privato

Un recente accordo tra DuckDuckGo e Microsoft consente al browser di utilizzare Trackers dal gigante del software. Si tratta di un contratto tra le due società, un accordo per la ricerca di contenuti. Cosa significa questo? DuckDuckGo non memorizzerà alcun tipo di identificatore personale, ma Microsoft Advertising sarà in grado di tracciare l'IP dell'utente e altri dati a fini statistici.

DuckDuckGo è nato come motore di ricerca basato sulla privacy. Un'alternativa a Google per garantire che i dati degli utenti siano più protetti, senza arrivare nelle mani sbagliate. Da lì è arrivato un browser che può essere utilizzato su entrambi iOS ed Android, con caratteristiche e funzioni per la privacy come HTTPS-Crittografia sempre or blocco del tracker .

Ma ovviamente, quest'ultimo non è presente quando arriva ai tracker Microsoft . Cioè, bloccherà tutti i tracker ma non questi. Ciò significa che DuckDuckGo è meno privato di prima? Forse molti utenti lo capiscono in questo modo e ora hanno dei dubbi quando lo usano.

Tra i lati positivi, DuckDuckGo è stato trasparente su questo argomento. Non ha nascosto il suo accordo con Microsoft e questo può dare agli utenti una certa sicurezza che in realtà non nascondono nient'altro e non stanno registrando dati da un'altra parte.

Politica sulla privacità.

L'anonimato completo non è possibile

Ogni volta che navighiamo in Internet lasciamo una certa traccia . Ciò è evidente solo guardando cookie e tracker. Ma il fatto di utilizzare browser o motori di ricerca come DuckDuckGo, almeno, migliora un po' la privacy. Da DuckDuckGo si difendono dicendo di essere sempre stati chiari e di aver avvertito che l'anonimato totale è impossibile.

Indicano che il modo in cui i tracker cambiano e come funzionano eludere le protezioni è in continua evoluzione. Per questo motivo, non sarà sempre possibile impedire che determinati dati vengano filtrati su Internet e ciò rende impossibile il completo anonimato.

Quello che fa DuckDuckGo, quello che almeno cercano di fare, è bloccare gli script di monitoraggio di terze parti prima che vengano caricati sul sito web. Semplicemente questo rende già gli utenti più protetti rispetto ad altri browser, poiché questi ultimi solitamente bloccano solo i cookie di terze parti.

Insomma, sorgono dubbi sul fatto che DuckDuckGo sia davvero privato una volta appreso che hanno un accordo con Microsoft per consentire determinati tracker. cosa ne pensate di questa notizia? Pensi che ci siano alternative migliori per navigare con la privacy?