Ghosting sul monitor del PC: cos'è, cosa lo produce

Ghosting sul monitor del PC

Al giorno d'oggi è davvero difficile trovare questo terribile effetto su PC, ma è vero che molte volte certi pannelli concentrandosi su un parametro specifico finiscono per creare il temuto e odiato effetto Ghosting. Lo soffri? Sai come differenziarlo? E soprattutto come si risolve se abbiamo un monitor che lo produce? Vediamo.

Il ghosting è uno degli effetti più dannosi per gli occhi di qualsiasi giocatore e crea anche una sensazione orribile durante il gioco e può persino causare cinetosi in più di una persona. Se non sai quale sia questo effetto, è normale che finisci per prenderlo per tutti i giorni e potresti persino ignorarlo in base al fatto che il tuo cervello lo evita e si abitua, ma logicamente non è affatto buono.

Qual è l'effetto fantasma?

Ghosting-monitor del PC

Il problema con il ghosting è che le persone generalmente confondono due termini che sono meglio compresi in inglese: immagine fantasma e ghosting . Perché sta succedendo? Ebbene, ha la sua logica, dal momento che tutto prende il nome dal secondo e non differisce dal primo sebbene siano totalmente collegati.

Il ghosting è un effetto che ha origini diverse come ragioni per cui si verifica, ma che nella sua interezza si traduce in un'immagine con un movimento di trascinamento che ne produce una scia in misura maggiore o minore, specialmente ai bordi dell'immagine, oggetto o un elemento sullo schermo.

Cioè, in un'immagine in movimento avremo la sua nitidezza e una scia che viene trascinata dalla prima. In un gioco di tipo FPS se muoviamo il mouse da un lato all'altro molto velocemente e c'è molto ghosting, quello che abbiamo è una sfocatura dell'immagine ai bordi che è molto evidente e sgradevole.

Perché si verifica il ghosting?

Fondamentalmente l'effetto ghosting o ghosting è dovuto al tempo di risposta dei pixel del pannello del monitor rispetto alla frequenza di aggiornamento del monitor. Come ben sappiamo, entrambi i tempi sono diversi e quindi ci sono molteplici effetti negativi dovuti a questo.

Quando il tempo di risposta e il cambio di pixel è maggiore del tempo necessario al pannello per aggiornare l'immagine con un nuovo FPS, l'immagine ha quell'effetto fantasma che sarà tanto più pressante quanto maggiore sarà la differenza tra quei tempi.

Nei televisori è anche da attribuire al fatto che il segnale arriva in determinati momenti dopo che il pannello mostra l'immagine già elaborata dal processore video, visto che si tratta di millisecondi di differenza. Ciò potrebbe essere dovuto semplicemente a un problema di segnale, a un'antenna con meno pickup o al fatto che il pannello non è così veloce nel cambiare i pixel.

Tornando ai monitor dei PC, una transizione asimmetrica dei pixel tra i colori ha un problema in più, e cioè che non impiega lo stesso tempo per cambiare tra un colore e l'altro, cioè non viene applicato lo stesso tempo tra A e B , quella tra B e A. Un esempio pratico sarebbe il passaggio dal rosso al blu e dal blu al rosso, dove i tempi sono diversi e quindi in alcune scene potremmo vedere più Ghosting che in altre.

Ghosting è uguale a Motion Blur?

Ovviamente no, ma un occhio poco allenato può confonderli. Entrambi hanno un componente che li produce, chiamato Risposta dei pixel , ma l'effetto prodotto è diverso. Nel ghosting l'immagine crea una scia, un'ombra della prima che la trascina ad ogni movimento, mentre in Motion Blur c'è una sfocatura dell'immagine dove perde nitidezza e si verifica anche a tutti i vertici e bordi allo stesso modo.

In Ghosting la nitidezza dell'immagine non varia, in Sfocatura in movimento lo fa, mentre il secondo non genera scie e il primo può essere incredibile su monitor con un GAP del tempo di risposta molto elevato.

Ha effetti negativi sul monitor?

No, non è un effetto di tipo Burning che deteriora il monitor o il suo utilizzo. È un effetto che si verifica semplicemente e continuerà a verificarsi finché non poniamo una soluzione parziale al problema, anche se a volte non si può fare nulla e dipende dal monitor specifico.

Ma in ogni caso, non si tratta di un difetto di fabbricazione in quanto tale e non accadrà nulla al pannello o al monitor stesso. È più mirato alla qualità del produttore del pannello e del monitor (soprattutto quest'ultimo, che si occupa di test e assemblaggio) che altro e no, l'RMA non può essere elaborato per questo a meno che non sia già un po' sproporzionato ad un guasto del pannello stesso al punto che sembra l'ombra di Neo in Matrix quando schiva i proiettili dell'agente.

Qual è la soluzione al ghosting?

Sorveglianza fantasma

Ebbene, dal punto di vista dell'utente è davvero difficile e in molti casi non è risolto, anche se ci ripromettiamo di realizzare un articolo esclusivo per affrontare questo problema, perché logicamente c'è briciola. Ma dal punto di vista del pannello l'unica cosa che si potrebbe fare è sincronizzare il tempo di risposta dei pixel in tutta la loro scala e gamma cromatica (o essere direttamente più veloci) con il refresh rate del pannello.

Dobbiamo dire che il ghosting si verifica di più quando il pannello del monitor è freddo, poiché i pixel impiegano più tempo a cambiare da un colore all'altro, quindi se noti che il tuo monitor diventa molto caldo, è possibile che il produttore stia giocando con questo per evitare questo effetto. È anche possibile che sia dovuto a un modulo G-SYNC all'avanguardia come Ultimate e alla loro certificazione, ma questa è tutta un'altra storia.

In ogni caso e come misura palliativa, un monitor con FreeSync o G-SYNC in una qualsiasi delle sue varianti è meno soggetto al ghosting, soprattutto se parliamo del modulo verde nelle sue due versioni e per ovvi motivi. Come sempre, puoi usare il famoso test ufo per verificare come si comporta il tuo monitor e sapere come differenziare gli effetti.