Deepfake nelle foto satellitari: mappe con siti falsi che non esistono

Apprendimento approfondito e AI negli ultimi anni ci hanno fatto dubitare sempre di più dei contenuti che vediamo. È relativamente conveniente per chiunque sostituire il volto di qualcun altro in una foto, o anche in un video, oltre che generare volti nuovi di persone che non esistono. Ora sono riusciti a farlo, ma con immagini scattate dal satellite.

Deepfakes Continuano a riempire il web, anche essendo usati per spogliare persone vestite, o per generare volti di persone che non esistono. Il https://thispersondoesnotexist.com/ il sito web è migliorato negli ultimi anni, offrendo volti sempre più reali. Ora stanno vedendo i pericoli delle immagini di città e campagne che possono essere modificate per mostrare contenuti che non sono realmente presenti.

Deepfake nelle foto satellitari

Deepfakes ha colpito le mappe

I geografi sono preoccupati per la proliferazione di questo tipo di contenuti. Ad esempio, possono essere usati per creare bufale legate a incendi o inondazioni, o per dire che un paese ha un campo di concentramento quando in realtà non lo è. Il Esercito degli Stati Uniti già avvertito di questo nel 2019, dove un software militare può vedere un ponte nella posizione sbagliata, e questo può influenzare lo sviluppo di una missione, poiché possono intrappolarli non avendo un ponte in quella posizione. .

Un gruppo di ricercatori ha ora pubblicato un articolo in cui analizzano questo problema, chiamato « Geografia falsa profonda? Quando i dati geospaziali incontrano l'intelligenza artificiale «. Questa ricerca è la prima ad applicare il concetto di deepfake alle immagini satellitari e hanno dimostrato che si può fare. Con questo, vogliono informare i cittadini dei loro possibili problemi.

I ricercatori affermano che gli esseri umani mentono da anni con mappe , compresi confini e margini dove non c'erano, nascondendo isole, mettendo città che non esistono o strade che non ci sono realmente. Questo è stato utilizzato per identificare coloro che hanno copiato le mappe, e sebbene in Google Maps non troveremo cose del genere, in alternativa a Maps possiamo trovare falsificazioni dei contenuti se l'azienda è controllata dal governo, come può accadere in Cina.

La tua intelligenza artificiale può rilevarli, ma miglioreranno

L'intelligenza artificiale è ora utilizzata nelle mappe per risolvere problemi geografici o identificare caratteristiche, ma poche persone sembrano essersi rese conto dei pericoli che comporta. I ricercatori sono riusciti a generare da zero siti che sembrano reali e qualcuno che non guarda in dettaglio potrebbe pensare che siano siti reali. Per questo, hanno usato il Reti antagoniste generate , o GANS , che utilizzano altri sistemi come il web che genera volti di persone che non esistono.

Per addestrarlo, hanno usato immagini reali prese dal satellite di luoghi come le città. Il processo di formazione non è stato facile, poiché alcune delle immagini generate avevano delle ombre strane.

La bassa risoluzione delle foto satellitari aiuta a falsificarle in modo relativamente semplice. Con questo sistema di rilevamento potrebbero anche rilevare immagini false da analizzare dettagli come la consistenza, il contrasto o il colore. Il problema è che questi sistemi devono essere costantemente aggiornati per compensare i continui miglioramenti e innovazioni che vengono apportati nella generazione di deepfake.